"La bellezza non è rara." ( J. Luis Borges)
Tag

Tancredi Parmeggiani, il vocabolario dell’anima

Tancredi Parmeggiani, il vocabolario dell’anima

Ugo Mulas, Ritratto di Tancredi Parmeggiani, 1961

Ugo Mulas, Ritratto di Tancredi Parmeggiani, 1961

 Bisogna andare alla natura, prendere quello che si ama, e restituirlo sulla tela attraverso l’istinto e la fantasia; quello che nascerà sarà naturale e fantastico allo stesso tempo. Questo è quello che hanno sempre fatto i pittori. La mia arma contro l’atomica è un filo d’erba.”

(Tancredi Parmeggiani)

Bello e dannato, genio sregolato e dal pessimo carattere, perfido con le donne, inquieto e tormentato nella sua arte, morto giovanissimo all’apice della sua carriera. Questa è la storia, tutta italiana, di Tancredi Parmeggiani che negli anni Cinquanta del Novecento fece rivivere il mito dell’artista maledetto.

Nato a Feltre, in provincia di Belluno, il 25 settembre 1927, abbandonò presto gli studi classici per frequentare il Liceo Artistico a Venezia e, in seguito, l’Accademia di Belle Arti. Qui strinse rapporti d’amicizia con Emilio Vedova e poi, nel 1951, l’incontro fortuito con la grande gallerista Peggy Guggenheim che lo prese sotto la sua ala protettrice. La collezionista americana fu talmente colpita dalla pittura e dall’aurea bohémien di questo giovane, da arrivare a concedergli, come studio, una stanza della sua residenza.

Tancredi fu per alcuni anni pittore in residenza presso la mia collezione, qui egli ebbe modo di conoscere Pollock e i suoi quadri che si trovavano nella mia collezione. […] Tancredi ebbe modo di svilupparsi per scatenare la rivolta naturale che era in lui e che appare così evidente in tutta la sua opera.”

(Peggy Guggenheim)

Tancredi Parmeggiani, Papaveri, 1953

Tancredi Parmeggiani, Papaveri, 1953

Nel seminterrato di Palazzo Renier dei Leoni, Tancredi venne in contatto con la situazione pittorica internazionale e qui produsse le sue opere migliori. Ma la tranquillità economica non bastò a rendergli anche la necessaria stabilità emotiva: la sua vita personale fu sempre un alternarsi di alti e bassi, di momenti sereni e di momenti tempestosi, preludio, questi ultimi, delle crisi mentali che caratterizzeranno l’ultima parte della sua esistenza.

Venezia fu anche il luogo privilegiato della scoperta della luce, di quella luce che, nella sua opera, si traduce in colore, un colore fresco e lirico che diventerà la sua autentica cifra distintiva.

Ragazzo di provincia, Tancredi non fu per nulla provinciale nell’elaborare una nuova astrazione dove l’aspetto informale dialogava con quello spaziale. Una ricerca del tutto originale e personale che lo poneva al di fuori di ogni scuola, di ogni movimento e di qualsivoglia etichetta.

Tancredi ha cercato una sua strada che al principio lascia molto perplessi, ma poi, e direi in modo strano, convince come pochi altri giovani della sua età.”

(Federico Castellani)

Tancredi Parmeggiani, Senza titolo (Marina veneziana), 1957

Tancredi Parmeggiani, Senza titolo (Marina veneziana), 1957

A differenza di molti artisti suoi contemporanei, Tancredi non rinnegò la pittura ma cercò di rinnovarla dall’interno, esplorandone le possibili evoluzioni naturali: un’estetica essenzialmente poetica, ora fantastica ora appoggiata alla memoria del ritorno alle cose.

Il suo vocabolario veniva dai prati infiorati della sua terra natia, dalle Venezie dove il colore si traduce in trasparenze diafane e incorporee, da una sintassi compositiva fatta di una trama indistricabile di segni: frammenti naturali e frammenti fantastici in grado di traghettarci verso nuovi ed inusitati mondi.

“Credo in un futuro fatto di equilibrio, in un artista che sia un uomo puro, capace di tutti i tipi di emozioni. […] Per fare della pittura bisogna amare la natura: credo che un quadro debba essere altrettanto natura quanto lo è una foglia. Una foglia assomiglia in parte a un albero, un albero assomiglia al cielo. C’è un solo modo di capire la natura, guardarla più che sentirla; la natura si può dividere in forme che si possono moltiplicare all’infinito; scindendola si scopre la geometria. Anche la grafia è geometria, qualunque grafia contiene elementi geometrici come qualunque elemento geometrico.“

(Tancredi Parmeggiani)

Tancredi Parmeggiani, Senza titolo (Ciclo dei Diari paesani), 1961

Tancredi Parmeggiani, Senza titolo (Ciclo dei Diari paesani), 1961

Intorno agli anni Sessanta, apparvero i primi segnali di un mutamento esistenziale ed artistico; le Facezie i Matti i Fiori, prove di straordinaria felicità, ma anche un ardimentoso allontanamento dal tradizionale astrattismo italiano del dopoguerra: una sorta di narrazione tagliente del mondo, tradotta con una dissacrante libertà linguistica e una straripante vena inventiva.

Io non so scrivere, forse riuscirò a dipingere quello che sento” – diceva – e così, guidato dal tocco del pennello, gridava il proprio dolore attraverso le forme, lo spazio, i colori, dando vita ad una sorta una di diario sentimentale.

Le crisi nervose si fecero sempre più drammatiche e violente come drammatici e fortemente espressivi si fecero le sue ultime tele, fino al tragico epilogo del 1964.

Il 27 settembre di quell’anno, lo stesso anno in cui espose alla Biennale di Venezia, Tancredi Parmeggiani, all’età di trentasette anni, si consegnò alle acque del Tevere ponendo così fine alla sua inquieta vita e alla sua nobile arte.

Tancredi Parmeggiani, il vocabolario dell’anima ultima modifica: 2017-04-03T16:08:16+00:00 da barbara
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.