"La bellezza non è rara." ( J. Luis Borges)
Tag

Diana e Atteone: da cacciatore a preda

Diana e Atteone: da cacciatore a preda

Giovan Battista Pittoni, Diana e Atteone, 1730

Giovan Battista Pittoni, Diana e Atteone, 1730

 

“Vedde il gran cacciator; comprese, quanto è possibile e dovenne caccia; andava per predare e rimase preda questo cacciator […].”

(Giordano Bruno, De gli eroici furori, 1585)

Jordaens Jacob, Diana e Atteone, 1640

Jordaens Jacob, Diana e Atteone, 1640

Per gli antichi greci il mito costituiva un racconto, originariamente una narrazione orale, in grado di spiegare i misteri del mondo e di definire le relazioni tra gli dei e gli uomini: un tentativo di dare delle risposte ai quesiti fondamentali che l’uomo si è posto e che continua a porsi. Per questa ragione la mitologia ha offerto, nel corso dei secoli, un’affascinante materia per la speculazione intellettuale: poeti, letterati, pittori, scultori, filosofi, psicologi, musicisti, cineasti, un po’ tutte le categorie di artisti e non, si sono cimentati nella rappresentazione del mito, offrendocene una loro personale visione.
Il mito si pone come un substrato psicologico primigenio ed ancestrale, un’inquietante e seduttiva catena di nascita, morte, sessualità, sangue, metamorfosi, vendetta e gelosia.

Joseph Heintz il Vecchio, Diana e Atteone, 1590-1600

Joseph Heintz il Vecchio, Diana e Atteone, 1590-1600

Nel terzo libro de Le Metamorfosi Ovidio ci narra della tragica vicenda del giovane Atteone, nipote di Cadmo fondatore della città di Tebe. Durante una battuta di caccia l’eroe tebano, addestrato all’uso delle armi dal centauro Chirone, si perse in un bosco ,a lui sconosciuto, con i suoi fedeli cani. Il destino condusse Atteone in una radura dove vi erano una grotta e un laghetto dall’acqua limpidissima. Qui Diana, la vergine dea della caccia, stava bagnando il suo corpo con l’aiuto delle sue fidate ninfe. Atteone posò il suo sguardo sulle nudità della dea che, adirandosi per l’oltraggio subito, gli spruzzò sul volto dell’acqua trasformandolo, così, in un cervo. Da cacciatore Atteone divenne preda dei suoi stessi cani che, vedendolo animale, lo sbranarono in mille pezzi.

Parmigianino, decorazione della saletta segreta della Rocca dei conti Sanvitale a Fontanellato, lato ovest,1524

Parmigianino, decorazione della saletta segreta della Rocca dei conti Sanvitale a Fontanellato, lato ovest, 1524

Questa vicenda fu ripresa più volte, sia in pittura che in letteratura, caricando il senso del racconto di significati assai lontani dalla versione originale.
Da Petrarca che nel Canzoniere assunse le vesti del giovane eroe per testimoniare il suo amore per Diana (ove si cela Laura), a Boccaccio che ne La caccia di Diana si servì del mito per celebrare in chiave mitologica alcune gentildonne napoletane, fino a Giordano Bruno che in De gli eroici furori utilizzò la narrazione ovidiana per affermare l’amore come metodo di conoscenza. Il mito si rivela così come qualcosa di non univoco: un’immagine che viene caricata di interpretazioni tanto diverse, quanto diverse sono le intenzioni dell’osservatore.

Bernardino Cesari, Diana e Atteone, 1601

Bernardino Cesari, Diana e Atteone, 1601

Anche nella rappresentazione pittorica la leggenda di Diana e Atteone conobbe varie versioni, versioni differenti a seconda dell’epoca, ma anche della particolare sensibilità dell’artista: dal semplice utilizzo del mito in chiave erotica, a quello più complesso che si spinse a compiere una riflessione profonda sul destino dell’uomo, costretto a soccombere ad elementi che non è in grado di contrastare.
Fu soprattutto a partire dal Cinquecento che il bagno di Diana con le ninfe divenne un buon pretesto per esibire nudi femminili in paesaggi arcadici.

Lucas Cranach il Vecchio e bottega, Diana e le ninfe sorprese al bagno da Atteone

Lucas Cranach il Vecchio e bottega, Diana e le ninfe sorprese al bagno da Atteone

“[…] Mentre Diana si bagnava così alla sua solita fonte, ecco che il nipote di Cadmo, prima di riprendere la caccia, vagando a caso per quel bosco che non conosceva, arrivò in quel sacro recesso: qui lo condusse il destino. Appena entrò nella grotta irrorata dalla fonte, le ninfe, nude com’erano, alla vista di un uomo si percossero il petto e riempirono il bosco intero di urla incontrollate, poi corsero a disporsi intorno a Diana per coprirla con i loro corpi; ma per la sua statura, la dea tutte le sovrastava di una testa. Quel colore purpureo che assumono le nubi se contro si riflette il sole, o che possiede l’aurora, quello apparve sul volto di Diana sorpresa senza veste.[…]”
(Ovidio, Le Metamorfosi, libro III)

Tiziano, Diana e Atteone, 1556-1559

Tiziano, Diana e Atteone, 1556-1559

Alla semplice raffigurazione del nudo, in molti casi, si univa una certa perversione voyeuristica: l’atto dello spiare di Atteone venne esaltato in maniera quasi morbosa; il vedere non guardati una persona nella sua più completa e totale intimità.
Parmigianino, nella superba decorazione della “saletta segreta” della Rocca dei conti Sanvitale a Fontanellato, Tiziano, Cranach, Rembrandt, Tiepolo, Veronese, e molti altri ancora si cimentarono nella raffigurazione di questo episodio tralasciando, il più delle volte, la parte più sanguinaria e cruenta dell’evento.
Pian piano il mito cessò di alimentare la fantasia degli artisti, sostituito da argomenti più attinenti con la vita a loro contemporanea. Ma il mito rappresenta un archetipo fondante dell’uomo e non sparisce del tutto, permanendo come principale forma culturale di riferimento presente se pure, a volte, non immediatamente riconoscibile.

Jan Bruegel, Diana e Atteone

Jan Bruegel, Diana e Atteone

Nel XX secolo un poeta ed una pittrice riesumarono questo mito nell’ottica di una più generale rivisitazione della nostra tradizione culturale. Ezra Pound nei suoi Cantos riprese il mito di Diana e Atteone convinto com’era che il presente si potesse meglio comprendere guardando passato e, in particolar modo, a quel patrimonio eterno ed universale tramandatoci dagli antichi: poema sconfinato ed esaltante che traccia la nostra storia di uomini.

“Atteone,/ In una valle folta di foglie/ La foresta rigetta il sole che abbaglia […]/ Né raggio, né scheggia di sole,/ né un disco di bagliore solare/ Percuote le acque scure,/ Né spruzza sulle ancelle, bianche, intorno a Diana/ Che fa di clarità l’aer tremare,/ arruffando lor chiome […]/ I molossi brancan Atteone,/ Cervo maculato silvano;/ Le trecce, grevi/ come fascio di grano, lampeggiano,/ I cani sbranano Atteone,/ Cervo maculato silvano […]”

(Ezra Pound, Cantos, 1916-1934)

Frida Kahlo, Il piccolo cervo, 1946

Frida Kahlo, Il piccolo cervo, 1946

Nel 1946 Frida Kahlo si spinse a riflettere se stessa in questo mito, interpretando la parte del cacciatore divenuto preda: il cervo ha il volto della donna, il corpo trafitto da nove frecce come quelle di San Sebastiano. In questo caso il mito diviene un pretesto per ribadire la dimensione di solitudine e tristezza esistenziale di Frida: un piccolo cervo ferito a cui è stata tolta qualsiasi illusione di felicità.

“Sono un piccolo cervo che vive nelle montagne.
Poiché sono selvatico, non scendo a dissetarmi durante il giorno.
Di notte, a poco a poco, vengo tra le tue braccia, amore mio.”
(canzone popolare messicana)

Diana e Atteone: da cacciatore a preda ultima modifica: 2015-03-02T15:45:20+00:00 da barbara
11 Comments
  • Alessandra
    Posted at 18:04h, 02 marzo Rispondi

    Sempre molto belli i tuoi articoli. Sono andata a leggermi anche quello su Frida Kahlo, l’hai presentata in un modo incantevole.

    • barbarameletto
      Posted at 18:06h, 02 marzo Rispondi

      Grazie mille a te per la costanza e l’interesse con cui mi segui 😀

  • valerio b cosentino
    Posted at 20:19h, 02 marzo Rispondi

    Il richiamo a Frida Kahlo ribalta tutta la prospettiva del mito; e il canto messicano che hai accostato ne dà una grande dolcezza.

    • valerio b cosentino
      Posted at 20:20h, 02 marzo Rispondi

      volevo dire
      🙂

    • barbarameletto
      Posted at 18:08h, 03 marzo Rispondi

      Sì in effetti, come hai giustamente notato, è un ribaltamento totale del senso del mito. Frida ne fa un utilizzo molto personale: un dotto riferimento non così facile da cogliere, seppur presente.

  • il mio tributo alla bellezza
    Posted at 12:26h, 03 marzo Rispondi

    Questo mito è molto affascinante e leggerlo in questo modo lo rende ancor più bello! Grazie!

    • barbarameletto
      Posted at 18:06h, 03 marzo Rispondi

      Grazie a te. I miti sono tutti molto affascinanti proprio perchè raccontano delle verità immanenti sotto forma di favole. Grazie ancora 😉

  • Stefano Cardarelli
    Posted at 14:25h, 03 marzo Rispondi

    Hai cambiato font! Preferivo quello di prima! 🙂

    • barbarameletto
      Posted at 18:05h, 03 marzo Rispondi

      Sto facendo un tentativo di restyling, vado un pò alla cieca, ma grazie per la tua opinione, si fa presto a cambiare di nuovo. Intanto lo teniamo così per un pò, poi ci lavoreremo un pò sopra.

      • Stefano Cardarelli
        Posted at 00:18h, 04 marzo Rispondi

        Sì ma decidi tu ovviamente, non voglio interferire!

  • Stefano Cardarelli
    Posted at 00:20h, 04 marzo Rispondi

    Quello che avevi messo era molto elegante ma un font elegante distrae dal contenuto del testo, non so se convieni

Post A Comment